I contenuti che postiamo sul web sono ancora nostri? Come funziona il copyright su Internet

Uno degli aspetti più belli di Internet è il fatto che chiunque può portare un contenuto all’attenzione di milioni, forse miliardi di persone, nel giro di pochi secondi. Ma è anche uno degli aspetti più brutti di Internet, perché una volta postato quel contenuto non è più necessariamente di proprietà dell’autore.

Quando ci iscriviamo a un qualunque servizio o piattaforma accettiamo dei termini di servizio (per capirci, quelle caselline che quasi tutti spuntano senza leggere) e, molto spesso, questo può significare che le foto del nostro gatto che abbiamo postato su Internet, oppure l’album delle nostre vacanze, potrebbero non essere più esclusivamente nostri.

Come funziona il copyright su Internet

La notizia buona è che il funzionamento del diritto d’autore, o copyright, è semplicissimo: quando qualcuno crea una qualsiasi opera, da uno scritto a un disegno a un video, ne assume automaticamente il copyright. Non ci sono moduli da compilare o pratiche burocratiche da sbrigare.

Lo stesso principio si può applicare sul web, quando pubblichiamo online un contenuto questo diventa nostro in automatico e ne deteniamo tutti i diritti, fino al punto di poter intraprendere azioni (legali o meno) se qualcun altro cerca di farlo passare come proprio.

Il tutto è applicabile alle “opere di ingegno”, quindi scritti, brani musicali, filmati, e quant’altro, ma non a fatti, idee e sistemi di utilizzo delle idee, per quelli è meglio tutelarsi anche legalmente. Poi arriva la questione dell’utilizzo, che ci tocca più da vicino.

campagna adesione poche parole

Non è semplicissimo da spiegare, ma facciamo finta che qualcuno voglia commentare questo articolo in altra sede: può usarne un pezzettino (uno snippet, poche parole), ma non riprodurlo completamente, per non ledere la proprietà intellettuale dell’opera, che in linea di massima sarebbe mia. In linea di massima perché dipende anche dal luogo in cui questo articolo è pubblicato: qui torniamo ai famosi termini e condizioni di utilizzo.

Termini e condizioni

Se postiamo su Facebook le foto del nostro gatto, sono ancora nostre? Sì, certamente, ma nel momento in cui le carichiamo sui server di Facebook (o di qualunque altra piattaforma) ne stiamo cedendo in parte i diritti, nello specifico una licenza per riutilizzarle per vari scopi. E se Facebook usa la foto del nostro gatto a noi non tocca nemmeno un centesimo.

Per esempio, le piattaforme più usate definiscono così: su Facebook la licenza è “non esclusiva, trasferibile, cedibile a terzi, royalty-free, in tutto il Mondo”; su Twitter è “in tutto il Mondo, non esclusiva, royalty free, con il diritto di cederla a terzi”.

I termini sono volutamente vaghi e complessi da capire, perché le piattaforme hanno bisogno di un certo spazio di manovra per funzionare, il che significa lasciare agli altri utenti e ad altre piattaforme la licenza di condividere i nostri contenuti o mostrarli in una ricerca.

Per questo, per quanto possa essere noioso, dovremmo sempre leggere i termini di servizio prima di accettarli, altrimenti potrebbe succedere che i nostri contenuti (le nostre foto personali, ad esempio) siano concessi in licenza ad aziende terze.

Come proteggere i contenuti?

Se proprio non vogliamo esporci al rischio che qualcuno possa vedere e riutilizzare i nostri contenuti, meglio tenerli offline o su un sito di nostra proprietà. Altrimenti basta trovare un servizio con termini e condizioni di nostro gradimento, per esempio che concedono alla piattaforma solo il diritto di mostrarli e/o modificarli senza cederne i diritti a terzi.

Insomma, alla fine della fiera possiamo stare tranquilli, non c’è da preoccuparsi più di tanto.

Ma tutto questo potrebbe cambiare nel momento in cui dovessimo perdere il diritto a condividere contenuti degli altri (e di conseguenza anche i nostri).

campagna adesione poche parole

La buona informazione non può essere gratis. O forse sì?

Sappiamo bene, anche perché ne parliamo ormai da qualche mese, che i giornali e gli editori in generale chiedono a gran voce all’UE di essere tutelati con norme chiare (e stringenti) sul copyright. Come se non bastasse, indicano come principali “nemiche” le piattaforme che più di tutte agevolano la diffusione e la condivisione di notizie, informazioni e contenuti. E lo fanno perché consentono di accedere a questi gratis.

Questo stesso articolo raggiungerebbe molte meno persone se non potesse essere rilanciato sui vari Facebook e Twitter, oppure indicizzato e poi trovato su Google tra mesi o anni. Qui volevo arrivare, perché questa premessa mi consente di evidenziare un chiarissimo paradosso: erano proprio loro, i giornali, a sottolineare come la rivoluzione vera portata da Internet fosse la libera condivisione. Senza contare il libero scambio di qualsiasi tipo di contenuto, anche quelli protetti da diritto d’autore, di quando tutti quanti usavamo il peer to peer.

campagna adesione poche parole

Il paradosso dell’informazione gratis

Una volta i “pirati“ erano gli eroi che sfidavano il sistema perché rimuovevano la barriera del prezzo e rendevano tutto accessibile a tutti, e come faceva notare qualcuno erano anche i beniamini della stampa e dell’informazione.

Cosa è cambiato oggi per causare un dietrofront così importante nelle opinioni? All’epoca, probabilmente non erano ancora toccati dal “problema”, che ha riguardato invece le major cinematografiche e discografiche dal primo momento. Loro il cambiamento portato dal digitale l’hanno abbracciato, altrimenti sarebbero andate incontro a morte certa, e quindi al posto di Napster o eMule (da cui si poteva scaricare tutto gratis, ma illegalmente) abbiamo piattaforme come Spotify e Netflix che danno libero accesso a un catalogo vastissimo in cambio di una tariffa fissa mensile.

Abbracciare il futuro o fallire?

Guadagnano meno per singolo utente? Sicuramente, ma quanti iscritti perderebbero se iniziassero a far pagare di più per ogni singolo contenuto? Lo dice anche Jeff Bezos, che forse ne capisce un po’ più di noi: i giornali non sono ancora spacciati, ma devono entrare nel futuro senza lamentarsi, perché lamentarsi non è una strategia. E infatti il suo Washington Post va alla grande dopo essere passato al digitale.

Insomma, Google e Facebook sono spesso viste come un impedimento, un cattivo da fermare, ma basterebbe cercare la maniera giusta di utilizzarli per espandere il proprio pubblico. La maniera giusta, naturalmente, non è riprendere le notizie più condivise sui social e “citarle”. Sarebbe molto più opportuno cercare di restituire valore ai lettori che, di fatto, li finanziano acquistando giornali e abbonamenti.

Altrimenti per forza cercano altre strade per reperire le informazioni, e tra l’altro possono trovarle anche gratis.

campagna adesione poche parole

La nuova proposta sul copyright dell’UE non funzionerà mai!

La campagna che stiamo portando avanti da qualche mese è iniziata prima che le proposte UE sul copyright arrivassero seriamente sotto i riflettori. Quando per limitare i danni si muovono addirittura da Mozilla, da sempre sostenitori della libertà sul Web, vuol dire che stiamo andando nella direzione giusta.

Questo schierarsi dalla parte di chi detiene i diritti, infatti, rende le proposte “disfunzionali, tendenti all’assurdo” secondo Raegan MacDonald, Senior Policy Manager ed EU Principal di Mozilla (intervistata da The Next Web). Sono talmente in disaccordo con le proposte di riforma che hanno una loro campagna attiva, con petizione annessa, per cambiare la disciplina sul copyright.

Uno dei problemi più grandi che la riforma potrebbe generare è che, in effetti, le piattaforme diventerebbero responsabili per tutti i post degli utenti: qualcuno potrebbe denunciare Facebook se un utente (dei circa 2 miliardi attuali) pubblicasse un contenuto protetto da diritto d’autore, che con la nuova riforma accadrebbe praticamente nel 90% dei casi.

I 3 articoli della morte

Poi c’è la questione dei 3 articoli della morte, anch’essi molto discussi: prima di tutto le restrizioni fortissime, e quindi praticamente fatali, per tutto ciò che è basato sul text and data mining (cioè la raccolta direttamente da internet di informazioni da parte di algoritmi e Intelligenze Artificiali). Moltissime startup utilizzano queste tecniche e potrebbero passare dalla parte dei cattivi, risultando così spacciate.

Dopo il data mining c’è l’ancillary copyright a noi tanto caro. Se guardiamo cosa è successo in Spagna e in Germania (per chi si collegasse solo adesso con noi, un fallimento totale) non c’è assolutamente alcun motivo per il quale una riforma che ha fallito a livello nazionale possa funzionare a livello di sovrasistema.

campagna adesione poche parole

Il terzo articolo della morte riguarda l’obbligo per le piattaforme di filtrare i contenuti degli utenti tramite dei veri e propri bot da censura per non esserne responsabile. Per capirci, è come se Google dovesse monitorare tutte le immagini che vengono caricate su internet e confrontarle con tutte le immagini coperte da copyright, per capire se ci sono state violazioni.

Non sembra una follia? Senza contare che questo porterebbe a fortissime limitazioni alla nostra libertà di caricare i contenuti come utenti. L’unico modo per operare in un ambiente giuridico del genere sarebbe avere un team di avvocati per negoziare le licenze di utilizzo prima ancora di effettuare qualunque operazione, e per giunta grande abbastanza per affrontare tutte le cause che sarebbero intentate sulla base dei contenuti infringing.

E allora perché mandano avanti la riforma sul copyright?

Appare chiaro che ci siano pressioni politiche da parte degli editori più “svantaggiati”, che invece di guardare avanti vorrebbero tornare indietro a quando avevano pieno controllo sulla pubblicazione e distribuzione dei contenuti.

Forse la UE non sarà mai in grado di avere una legislazione all’altezza se non prende in considerazione il punto di vista di tutti i soggetti coinvolti, dai più grandi ai più piccoli.

Per questa precisa ragione dobbiamo farci sentire!

campagna adesione poche parole

Dalla SEO all’Ancillary Copyright: intervista a Federico Simonetti

Insieme all’esperto Federico Simonetti parliamo di posizionamento dei contenuti e dell’effetto dell’Ancillary Copyright sulla SERP di Google

Il tema dell’Ancillary Copyright sta entrando sempre più nella nostra testa. La tutela dei diritti di copia anche online è una tematica che via via si sta facendo sempre maggiore spazio nel dibattito pubblico, a causa degli effetti che avrebbe sulla diffusione dei contenuti posizionati sui motori di ricerca. Per questo motivo abbiamo deciso di affrontare questo spinoso argomento con l’esperto Federico Simonetti, SEO Specialist e Growth Hacker, il quale tramite le sue risposte ci ha chiarito le sue idee circa gli effetti che potrebbe avere la SEO sull’Ancillary Copyright e viceversa. Sei pronto? Iniziamo a conoscere Federico:

Ciao Federico, per cominciare presentati ai nostri lettori. Raccontaci brevemente chi sei e di cosa ti occupi.

Mi chiamo Federico Simonetti e sono nato nel 1984, come il Grande Fratello di George Orwell. Nella mia vita ho sempre avuto una grande passione: studiare il mondo attorno a me. Per questo mi sono laureato in Filosofia, mantenendo però una grande attenzione per l’informatica e la comunicazione. Appena uscito dall’Università, ho coniugato queste mie tre skill e mi sono innamorato del web marketing, dei dati e della sperimentazione. Nel 2013, grazie a Luca Barboni, ho incontrato il Growth Hacking e da lì un percorso che mi ha portato alla consulenza aziendale orientata alla crescita. Nella vita privata, mi piacciono le cose belle, fatte bene, buone e giuste. Mi piace anche la filosofia francese, le serie TV americane e la pizza napoletana. A volte non sono antipatico.

Adesso che insieme abbiamo conosciuto il nostro esperto del giorno, possiamo addentrarci nel cuore dell’argomento. Siamo infatti subito passati a parlare direttamente di Ancillary Copyright e di motori di ricerca. Chi meglio di una persona che passa le sue giornate a posizionare contenuti online può fornirci tutte le risposte di cui abbiamo bisogno per capire l’argomento fino in fondo?

Veniamo subito all’argomento per il quale abbiamo deciso di contattarti: l’ancillary copyright. Un professionista come te, che si occupa anche di posizionare contenuti online, ha sicuramente visto come la materia del copyright sia stata forzatamente plasmata ai nuovi contesti tecnologici. Qual è la tua opinione al riguardo? Pensi che l’ancillary copyright sia la giusta direzione da seguire?

Seguo il dibattito sul diritto d’autore online con molta attenzione da ormai molti anni e, nel tempo, ho avuto modo di farmi un’idea. Non essendo un giurista né un giornalista, la mia posizione è piuttosto obliqua e riguarda il modo in cui il nostro mondo e il modo in cui fruiamo dei contenuti sta cambiando: è un dato curioso che il “diritto d’autore” venga sempre più chiamato in causa per difendere un mondo editoriale che viene messo nell’angolo dai distributori di contenuti.

I player Over The Top (OTT) hanno dimostrato di saper giocare molto bene con il concetto di “open source” e “Creative Commons”, imparando a capitalizzare e monetizzare a partire da tutti quelli che sono contenuti privi di diritto d’autore: dai codici sorgente aperti ai contenuti creati dal lavoro collettivo, come Wikipedia. Se devo scommettere un euro su chi, alla fine, ne uscirà vincitore, io punto sugli OTT.

In un mondo nel quale i consumatori vogliono pagare sempre meno per essere informati, in modo rapido ed efficiente e, allo stesso modo, non vogliono venire invasi da banner pubblicitari invasivi, è normale che gli editori non abbiano grandi possibilità di guadagno se non quelle di cercare di “farla pagare” a chi quei contenuti li distribuisce.

Il punto, però, a mio avviso, è proprio il modello di business dell’editoria: è fallimentare, non si è mai adeguato e seriamente ammodernato e, ormai, rischia di andare fuori mercato, aggrappandosi a qualsiasi scampolo di guadagno possibile.

In questo l’ancillary è solo l’ultimo tassello delle varie “Google Tax” di cui si è parlato negli anni: con le dovute differenze, è un po’ come se i giornali cartacei facessero pagare ogni singola edicola per avere la possibilità di esporre il giornale alla clientela. Dal mio punto di vista, il problema non è il fatto che io metta in evidenza il tuo contenuto gratis, il problema è piuttosto che quella roba nessuno ha voglia di leggerla.

Discorso a parte, ovviamente, rappresentano quei player che mostrano per intero il contenuto di un editore (magari perché “agganciati” ai suoi Feed RSS) senza riconoscere nulla al giornale. In quel caso, indubbiamente, va trovata una strategia perché venga riconosciuto in qualche modo un ritorno economico. Però anche qui: se viene mostrata l’interezza del contenuto il danno c’è. Viceversa, se a venire mostrata è solo una parte di esso, non andiamo più d’accordo.

Il tema ci porta subito a parlare anche di snippet. Nella sua forma originaria, la legge avrebbe dovuto includere anche gli snippet, appunto, che gli utenti visualizzano sui motori di ricerca. L’intento era quello di forzare Google a pagare delle fee in base alle visualizzazioni. Pensi che questa Google Tax possa avere ripercussioni pesanti sul posizionamento dei contenuti?

Non so che cosa sceglierà di fare Google, ma a mio avviso qualcosa si è già mosso nel senso di una più intelligente gestione degli snippet, che ad oggi hanno contenuti informativi e, soprattutto da mobile, una porzione di testo dell’articolo molto contenuta.

Questa cosa, tuttavia, non si vede sulle keyword informazionali che, anzi, stanno aumentando lo spazio dedicato allo snippet sintetico: nel futuro, magari, Google potrebbe privilegiare, per questa particolare categoria di keyword, quei contenuti prodotti con protocolli aperti, come il Creative Commons – ma siamo nel campo delle ipotesi. L’impatto nel breve termine, se ci sarà, riguarderà per lo più Google News e le sue integrazioni con il motore di ricerca principale.

Sinceramente, Google ha sempre mostrato molta attenzione e ponderazione nei cambi algoritmici: Panda, Penguin, Hummingbird… persino il famigerato “Mobilegeddon” non hanno mai agito in maniera drastica e “rivoluzionaria”, ma sempre in maniera piuttosto graduale. Quindi non credo che, dall’oggi al domani, si cambierà scenario ma, nel caso, che ci sarà un adeguamento alle norme che ci costringerà, tutti, a cambiare alcuni comportamenti.

Il modo in cui fruiamo i contenuti, quindi, non sembra essere messo a rischio da questi potenziali cambiamenti. Google ha sempre mostrato una particolare attenzione per la tutela dell’utente e dei contenuti pertinenti rispetto alla ricerca, quindi se dovesse essere introdotta una nuova formula non avremmo nulla da temere. Fin qui tutto bello, ma quale potrebbe essere invece l’impatto negativo? Torniamo a parlare insieme a Federico Simonetti dei limiti di questa nuova proposta.

Quali sono i limiti che potremmo incontrare nell’applicazione dell’Ancillary Copyright alle SERP?

Mah, ne vedo tanti: qual è la dimensione che un testo deve avere per essere definito univoco? La traduzione automatica, fatta con un sistema analogo a Google Translate, di un testo inglese, vale come violazione di diritto d’autore? Qual è la differenza tra traduzione e citazione? La visualizzazione di una meta-description, impostata dall’autore esplicitamente per apparire sui motori di ricerca, vale come violazione del diritto d’autore?

Insomma, il punto è: i giornali vogliono visite da Google o no? Perché se non le vogliono possono tranquillamente deindicizzare i propri siti e tenersi cari cari i propri contenuti. Se il problema, però, è che nessuno legge i loro articoli, magari dovrebbero trovare altre strade per far sì che vengano fruiti. Un esempio positivo, dal mio punto di vista, è l’ultima evoluzione di Wired, che è addirittura tornato alla carta, proponendo degli speciali monografici che affrontano dei temi importanti: al di là di un comprensibile “effetto-wow”, il punto è che coi contenuti di basso livello non si va da nessuna parte e si entra in un circolo vizioso che ti fa pagare poco gli articoli che, di conseguenza, saranno sempre più scadenti. Viceversa, lavorare su contenuti che siano utili e che trasmettano valore all’utente può costituire una strada alternativa valida.

Un’ultima domanda. Si dice che questa legge possa in qualche modo danneggiare le startup, tanto da lanciare la campagna #SAVETHELINK per proteggere le giovani attività che operano nel campo dei nuovi media e che vedrebbero minata la libertà d’espressione e di informazione. Tu che ti occupi anche di giovani imprese, cosa pensi al riguardo?

Onestamente, credo che il mondo dell’editoria tradizionale debba trovare una strada alternativa al presente: qualcosa di simile a quello che Netflix e Spotify hanno rappresentato per il mondo dell’home video e della musica. Cinque anni fa tutti scaricavamo musica, film e serie TV illegalmente e in maniera gratuita e nessuno riusciva più a guadagnare una lira da questi due settori: i due mercati erano al collasso. Oggi, sinceramente, nessuna delle persone che conosco scarica mp3 illegalmente e, se lo fanno per film e serie TV, è solo perché non ci sono (ancora) su Netflix.

Non è una soluzione a tutti i problemi, ovviamente, perché comporta una dipendenza da altri player OTT, che diventano distributori dei tuoi contenuti e ti mettono in un rapporto di dipendenza che può strozzare chi i contenuti li produce, però anziché guadagnare zero, è già qualcosa. Poi dipende anche dai rapporti di forza in campo: se i consumatori sono convinti che non devono pagare una cosa, non è sempre detto che abbiano ragione.

Come vedi, questa tematica riguarda noi utenti direttamente da vicino. Il modo in cui fruiamo delle informazioni online potrebbe radicalmente cambiare, così come ci è già successo per altri settori. Essere informati è la prima arma che abbiamo per difenderci da qualsiasi aggiornamento e grazie a questa intervista abbiamo sicuramente appreso di più su quello che riguarda le notizie posizionate online e il modo in cui l’editoria può affrontare i possibili cambiamenti in atto. Ti sei fatto una tua idea rispetto a questo argomento? Facci sapere cosa ne pensi nei commenti e non dimenticare di firmare la nostra petizione!