quanto costa influenzare le elezioni con delle fake news

Quanto costa influenzare le elezioni?

Posted on 18 Lug 2017
0 commenti

Se ti dicessimo che le fake news possono influenzare le elezioni ci crederesti? Sembra incredibile, proprio come una notizia falsa, ma sfortunatamente è vero. Oggi ti spiegheremo come questo sia possibile e quali sono i costi.

È credenza comune associare le fake news ad un’attività amatoriale. Qualcuno si annoia e decide di far girare una notizia falsa per vedere l’effetto che fa. Succede anche questo, ma le dietro le notizie false c’è un vero e proprio mercato delle bufale online ed è un’attività parecchio redditizia. Una notizia falsa può anche influenzare le elezioni. Ma come funziona questo imbroglio?

Le notizie false non solo vendono, ma si vendono

Proprio come in un mercato è possibile rivolgersi a vari professionisti dell’inganno online. Parliamo di siti ed agenzie che offrono un vero e proprio catalogo di servizi per accontentare qualsiasi richiesta.

Trend Micro, un’azienda che opera nel campo della sicurezza online ha svolto uno studio di settore sui mercati Inglesi, cinese, russo e del Medioriente. Quello che hanno scoperto ti lascerà a bocca aperta. Bastano infatti 400mila dollari (poco più di 350mila euro) per influenzare in modo significativo delle elezioni e poco meno di 50mila euro per screditare un giornalista.

Vuoi continuare ad informarti liberamente? Firma la nostra petizione per impedire alla direttiva europea sull’Ancillary Copyright di non farci più condividere link online!

campagna adesione poche parole

Quali sono i costi nello specifico?

Come ti abbiamo anticipato poco fa bastano circa 350mila euro per influenzare pesantemente le elezioni e circa 48mila euro per screditare qualcuno. Ma nello specifico da cosa sono composte queste cifre?

  • Un sito di notizie create ad hoc per uno specifico target sia esso geografico o interessato ad una tematica specifica: 2.600€ circa
  • Aggiornare e curare i commenti invece, ha un costo di 4.400€/mese
  • Divulgare il sito ed i suoi contenuti in giro per la rete ha un ulteriore costo di 2.600€

A queste cifre vanno aggiunti i costi per comprare like e commenti da profili falsi che hanno un costo variabile a seconda delle richieste.

Cosa cambia rispetto alla solita propaganda?

Questo tipo di propaganda è più subdolo. È capace di manipolare la tua opinione su persone o fatti dove meno ti aspetti di essere attaccato, ovvero nel web ed i social media. Su internet e i social network è molto più semplice divulgare una fake news rischiando poco o niente.

Questo tipo di agenzie spesso e volentieri opera nel deep web ovvero quella parte di internet che non puoi navigare con un semplice browser. Questo facilita l’anonimato sia di chi commissiona il servizio che di chi lo vende.

Cosa puoi fare per difenderti?

Il fatto che sia chi fornisce questi servizi che chi ne usufruisce agisca nell’ombra, non significa che non si possa fare nulla. Non sei impotente anzi: puoi aderire alla nostra petizione, tanto per cominciare!

Puoi sconfiggere le bufale online e non lasciarti influenzare. Il primo passo per farlo è sapere come riconoscere le notizie false. Per aiutarti in questo abbiamo creato un piccolo vademecum con 10 modi per imparare a riconoscere una bufala online.

Condividi questo articolo e fai sapere al mondo che migliorare è possibile, basta – come diceva Gandhi – “fare il primo passo per vedere il cambiamento che vuoi”.

Firma la nostra petizione a favore della libertà di condivisione!

campagna adesione poche parole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *